ASIA/BANGLADESH - Il Vescovo Rozario: "Urge un accordo politico per garantire ai Rohingya una vita dignitosa"

Rated: , 0 Comments
Total hits: 10
Posted on: 08/30/18
Dacca - "I profughi Rohingya desiderano vivere una vita dignitosa. Questa gente ha subito una pulizia etnica. Urge mettere in pratica l’accordo tra i governi di Bangladesh e Myanmar, garantendo ai Rohingya una vita dignitosa e prospera. Ma non scorgo una sincera buona volontà per risolvere questa tragedia umana nel prossimo futuro": lo dice all'Agenzia Fides il Vescovo Gervas Rozario, alla guida della diocesi di Rajshahi, in Bangladesh.
Mentre è trascorso un anno dallo spostamento di massa di oltre 700mila profughi musulmani Rohingya dal Myanmar al Bangladesh, i vertici militari del Myanmar potrebbero essere indagati e perseguiti per “genocidio”, proprio in seguito agli atti commessi negli Stati birmani di Rakhine , Kachin e Shan. Lo afferma il rapporto stilato da una commissione indipendente incaricata dal Consiglio Onu per i diritti umani dell’Onu. Il documento usa il termine “genocidio”, indicando un piano sistematico per la distruzione di una comunità, secondo logiche di “deportazione e sterminio”. Il rapporto, che sarà ufficialmente presentato a Ginevra il 18 settembre, chiede alla Corte penale internazionale dell’Aja di processare il capo dell’esercito birmano, il generale Min Aung Hlaing, e cinque altri alti funzionari militari. Il rapporto denuncia anche la complicità del governo birmano, colpevole di aver lasciato che l'operazione militare fosse perpetrata e completata.
Da un anno diverse agenzie internazionali cattoliche, come Caritas International, Catholic Relief Services, Cafod hanno sostenuto e continuano ad aiutare i rifugiati che si sono stabiliti in Bangladesh, assicurando loro cibo, acqua, tende, istruzione ai bambini.
"Lavoriamo con le comunità dei Rohingya, che si trovano a Cox Bazar, per prepararle alla stagione dei monsoni, già in corso. Ma, dopo un anno, ci chiediamo: chi si occuperà di queste persone e chi finanzierà l'assistenza umanitaria se la crisi andrà ancora avanti per il secondo o terzo anno' Infatti non c'è all'orizzonte nessuna soluzione politica", rileva Mons. Rozario. Sebbene i colloqui bilaterali tra i governi del Myanmar e del Bangladesh finiscano affermando “l’impegno a trovare una soluzione”, restano solo dichiarazioni di intenti e “non c'è ancora alcun piano concreto”, nota.
Myanmar e Bangladesh hanno concordato nel gennaio 2018 di completare il rimpatrio volontario dei rifugiati entro due anni. Ma molti osservatori internazionali e commentatori continuano a dubitare della reale possibilità di realizzare questo piano.

>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment

Most Popular

subscription or for you to buy fifa 16 coins order
buy fut 16 coins "That's a big investment for anyone to commit day in day out to dream about to ... ...





Login


Username:
Password:

forgotten password?